A San Giorgio a Cremano si parla di Bullismo

post-title
Fonte Immagine: ansa

Alunni partecipano ad incontro di Educazione alla Legalità

«Il bullismo è l'ignoranza di credere di essere forti» con questa frase si apre l'incontro promosso dall'amministrazione comunale di San Giorgio a Cremano d'accordo con l'assessore comunale alle Politiche Giovanili Simona D'Agostino; aprendo di fatto il ciclo di Educazione alla legalità per gli alunni della scuole secondarie di primo grado.
Nella sala convegni della Fonderia Righetti in Villa Bruno, alla presenza dell'assessore alla Scuola Giuseppe Giordano, della psicologa e criminologa Mariarosaria Alfieri e del sindaco Giorgio Zinno, gli alunni, gremendone gli spazi, mostrano interesse al fenomeno ponendo domande e chiedendo di volerlo approfondire in tutte le sue sfaccettature.
Sono stati affrontati i temi delle aggressioni fisiche e verbali attraverso i social e la messaggistica, sono stati inoltre trasmessi cortometraggi sulla violenza dei bulli nella scuola e casi di revenge porn; a cui sono seguite domande e testimonianze.
Secondo l'Osservatorio Bullismo e Cyberbullismo un adolescente su cinque è vittima di questo fenomeno e a finire nel mirino dei bulli sono proprio gli adolescenti e i preadolescenti tra gli 11 ed i 16 anni.
Interviene il sindaco di San Giorgio a Cremano: «E' per questo che ci siamo rivolti proprio a loro e continueremo a farlo, anche grazie alla disponibilità dei nostri dirigenti scolastici, sempre sensibili e pronti ad accogliere questa ed altre iniziative».
Aggiunge infine che le attività di sensibilizzazione proseguiranno anche nei prossimi mesi chiamando a raccolta le scuole e gli esperti in materia.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta