Afragola: carabiniere sventa una rapina in una tabaccheria, non era in servizio

post-title
Fonte Immagine: ansa

Grazie al suo intervento ieri è stata sventata una rapina.

Ieri durante una semplice passeggiata, un Appuntato Scelto dell’Arma dei Carabinieri , è riuscito a sventare una rapina in via Dario Fiore, ai danni di una piccola tabaccheria.
Dalla ricostruzione dei fatti, si è appreso che il militare, fuori servizio, qualche minuto prima delle 13,si trovasse nei pressi di via Dario Fiore, un’arteria stradale che collega diversi comuni dell’hinterland napoletano. Mentre era in sosta , sono arrivati a bordo di uno scooter due persone con casco integrale e la loro azione è velocissima: pistola in pugno, scendono dal mezzo ed entrano in tabaccheria, è una rapina.
Di fronte a questa scena il militare entra nel locale e urla "Carabinieri" nel tentativo di far fuggire i malviventi. Tentativo che sortisce il suo intento: i due scappano dall’esercizio commerciale e, ancora armati, salgono sullo scooter per fuggire.
 L’Appuntato dei Carabinieri li insegue e corre fino a raggiungerli riuscendo ad aggrapparsi al giubbino del passeggero. Il centauro perde il controllo dello scooter fino ad impattare su un’auto che arriva dal senso opposto. I rapinatori cadono a terra ma subito si rialzano. Nasce una violenta colluttazione durante la quale partono due colpi d’arma da fuoco. Il rapinatore spara verso il militare, fortunatamente la pistola è a salve. Il Carabiniere non sa dell’inoffensività della pistola ma comunque non indietreggia e riesce a bloccare il malvivente. Il complice fugge a bordo dello scooter che risulterà rubato giorni fa ma i Carabinieri di Castello di Cisterna sono sulle sue tracce.
 Indagini in corso anche per verificare l’eventuale coinvolgimento da parte dell’arrestato in altre rapine che si sono verificate nei giorni scorsi in quella zona. L’arrestato, un quarantenne di Casoria già noto alle forze dell’ordine, è stato medicato e ne avrà per 10 giorni. Anche il Carabiniere sta bene, per lui 7 giorni di prognosi.
Storie di ordinaria e dignitosa azione che ogni i militari dell’arma, con tutte le forze dell’ordine, sostengono.
Una divisa che non è solo un lavoro, ma un modo di vivere.
Combattere il crimine, che agisce sotto gli occhi anche se fuori servizio, perché come recitava il famoso De Sica in un film con il grande De Curtis "quella divisa ti cambia la vita" ti da una responsabilità civile come figura di riferimento.
Certo gli uomini dell’Arma sono sottoposti a continue esercitazioni per svolgere al meglio il loro dovere, ma questo giovane uomo ha dimostrato che gli eroi non necessitano di super poteri per intervenire, essi sanno di essere parte della società e devono e vogliono svolgere la loro azione anche quando la divisa è a casa e loro sono fuori servizio.
A noi che scriviamo di cronaca, sicuramente fa piacere parlare di queste storie. Poiché sono lo specchio di chi ogni giorno offre il suo operato sapendo di poter rischiare la vita. Auguriamo all’appuntato una buona e solerte guarigione.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta