Avellino, arrestato un 50enne per porto abusivo d’armi

post-title
Fonte Immagine: Ansa.it

Perlustrazioni intensificate, scoperta detenzione illegale di armi da taglio.

Il Comando di Avellino aveva avviato un piano d’azione per aumentare perlustrazioni e controlli preventivi. Ieri notte è stato fermato e arrestato un individuo per detenzione illegale di armi da taglio.

La parola chiave del nuovo piano d’azione del Comando Provinciale di Avellino per combattere la criminalità è “prevenzione”: sono stati aumentati perlustrazioni e controlli in Irpinia, per raggiungere la fonte degli illeciti ed evitare di dover agire a fatti compiuti e spesso in circostanze spiacevoli. A dimostrare l’efficacia di questo metodo è stato un intervento dei carabinieri effettuato stanotte.

A San Martino Valle Caudina (AV), infatti, gli agenti in posto di blocco hanno fermato un veicolo sospetto con a bordo un 50enne di Summonte (AV). L’uomo, che non ha saputo dare una valida giustificazione della sua presenza in quel comune ai carabinieri, è stato poi sottoposto a una perquisizione personale e del veicolo. Secondo quanto riporta il comunicato stampa del Comando provinciale di Avellino l’uomo è stato trovato «in possesso di un coltello a scatto, un’ascia e due martelli di cui non è stato in grado di giustificare il porto» e, di conseguenza, «deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per “Porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere”». Il veicolo, invece, è stato sequestrato.

Inoltre, appurata l’illeceità dei fatti e la potenziale pericolosità dell’individuo, i carabinieri hanno proposto per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio, che impedirebbe al destinatario di ritornare nel Comune da cui è stato allontanato per un determinato periodo di tempo.

 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta