Avellino, attenzione ai porcini: vietata vendita funghi freschi sfusi ad ambulanti

post-title
Fonte Immagine: Focus.it

Sequestrati dalla Forestale 32 chili di funghi senza provenienza di commestibilità a un venditore ambulante 35enne del napoletano.

Durante un controllo finalizzato all’accertamento di violazioni connesse alla tutela ambientale e della salute pubblica, i Carabinieri della Stazione Forestale di Avellino hanno proceduto al controllo di un venditore ambulante che aveva destinato alla vendita funghi  porcini senza provenienza di commestibilità.

In particolare, i militari hanno accertato che il 35enne del napoletano, pur essendo autorizzato al commercio itinerante del settore merceologico alimentare, aveva violato l’ordinanza del Ministero della Sanità che vieta la vendita di funghi freschi sfusi in forma itinerante.

Non essendo stato in grado di fornire la provenienza dei funghi, i Carabinieri hanno provveduto al sequestro di 32 chili di merce, mentre per l’ambulante è scattata la denuncia a piede libero.

Successivamente, i militari hanno provveduto a far esaminare i funghi all’ Ispettorato Micologico della ASL di Benevento. L’esito degli esami ha dato giudizio di positività circa la commestibilità dei funghi, che sono stati donati dai Carabinieri alla  mensa della “Caritas” diocesana di Avellino mentre una parte della merce, essendo deperibile, è stata distrutta.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta