BORN PINK – Il nuovo album delle Blackpink

post-title
Fonte Immagine: YG Entertainment

Numeri da record per il gruppo coreano femminile più famoso al mondo: la loro musica, ormai, non conosce limiti

Nessun linguaggio è tanto mondiale quanto il linguaggio della musica: negli ultimi anni, soprattutto per i giovanissimi, non sembra più avere importanza la lingua in cui cantano i cantanti; ciò che conta davvero è se la musica arriva al cuore o meno.

Già da un po’ ha preso piede in Italia, così come nel resto del mondo, la passione per un genere musicale noto come “K-pop” (Koren Pop); il termine è, però, improprio, perché al suo interno non è racchiuso solo il più generico pop, ma bensì, ogni singolo generemusicale cantato nella lingua coreana (con qualche frase dei ritornelli e delle strofe in inglese).

Tantissimi sono i gruppi (con anche parecchi anni di carriera alle spalle) che popolano questo universo vastissimo, e tantissimi sono i fan che stravedono per la musica e per gli idol (i membri dei gruppi vengono così chiamati). I più famosi sono, indubbiamente, i BTS (gruppo k-pop maschile) e le BLACKPINK (gruppo k-pop femminile): tanto famosi da meritare di comparire in prima serata anche nei notiziari nazionali più importanti.

Proprio delle BLACKPINK parleremo oggi: è uscito, questo venerdì, il loro secondo album in studio “BORN PINK”, composto da 8 tracce per un totale di 25 minuti, preceduto dal singolo “Pink Venom”, uscito lo scorso 19 Agosto.

Il gruppo è sempre stato, dal loro debutto nel 2016, in grado di generare numeri da record, e sia l’album sia il singolo non sembrano essere da meno. “Pink Venom”, infatti, ha debuttato alla prima posizione delle classifiche mondiali di Spotify, rendendo le Blackpink il primo gruppo interamente femminile ad ottenere tale traguardo.

L’album, invece, già prima della sua uscita, è riuscito a infrangere un impressionante record mondiale: nella primasettimana in cui è stato disponibile il pre-ordine, l’album ha venduto già 2milioni di copie in tutto il mondo.

Ogni canzone, nell’album, è un’autocelebrazione unita a un ricordo delle loro origini come gruppo e dei traguardi raggiunti nel corso della loro fortunatissima carriera. Nel nuovo videoclip rilasciato in contemporanea con l’album, “Shut Down”, le quattro idol cantano in coreano e in inglese del loro successo e del loro talento, con espliciti riferimenti visuali ai loro videoclip precedenti.

It’s not a comeback since we never left

Non è un ritorno, dato che non ce ne siamo mai andate” – questa è la frase iniziale della canzone.

L’album sarà il centro del loro prossimo tourmondiale, che prenderà il via nella città di Seoul, in Corea, il 15 e il 16 Ottobre. Il tour proseguirà fino al 2023 inoltrato, passando per gli Stati Uniti, l’Europa, il Medio Oriente e, finalmente, di nuovo in Asia.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta