«Cambio vita». E il figlio la uccide

post-title
Fonte Immagine: Ilgiornale.it

Quindicenne accoltella mortalmente la madre, Valentina Giunta 32enne di Catania, che vuole separarsi dall’ex compagno, in carcere.

Valentina Giunta, 32 anni, di Catania, viveva per i suoi due suoi figli, di 10 e 15 anni. Il più grande, però, era tutto per papà, un padre che si trova da tempo in carcere e che era anche stato denunciato per maltrattamenti da Valentina, anche se poi la denuncia era stata ritirata.

L’atmosfera in casa, nel difficile quartiere San Cristoforo di Catania, dove Valentina abitava coi due suoi figli, era pesante. E lunedì sera, al culmine di una lite, il 15enne ha ucciso la madre colpendola più volte con un’arma da taglio. Alcuni fendenti hanno raggiunto Valentina al collo e alla schiena. È stata ritrovata nella stanza da letto in una pozza di sangue. La donna è morta poco dopo l’arrivo dei sanitari del 118 che sono intervenuti su segnalazione dei vicini.

Le indagini hanno subito puntato sulla sfera familiare. Una volta verificato l’alibi di ferro dell’ex compagno, gli investigatori si sono concentrati sul figlio 15enne. Il ragazzino è stato fermato con la terribile accusa di avere ucciso volontariamente la madre e adesso l’accusa è al vaglio del gip. Secondo gli inquirenti il movente è da ritrovare nel suo timore che la mamma volesse separarlo dal padre, a cui si sentiva molto legato con tanto di dediche: «Sei la mia forza, ti amo leone, presto fuori insieme. Nel bene e nel male non ti abbandonerò mai con riferimento alla scarcerazione».

Aveva idealizzato il padre, mentre per Valentina, che tutti gli amici descrivono come una donna che amava i figli più di se stessa, non c’è una parola. Lei, invece, scriveva nel suo profilo Facebook, parlando del più grande: «Sarà sempre la mia ragione di vita». La sua vita difficile è riassunta in post in cui si evince la sua voglia di sentirsi libera dall’essere giudicata: «La gente ha il brutto vizio di giudicare, tu sorridi, perché in fondo sai di essere migliore di loro». Voleva andarsene da Catania per ricominciare, lontano dall’ex compagno. Una decisione che non era stata ben digerita dal 15enne. A quindici anni ha ammazzato la madre. Vengono i brividi solo a scriverlo.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta