Casa di San Giuseppe Moscati occupata dagli abusivi, c’è il rischio crollo

post-title
Fonte Immagine: ansa

Da una perizia tecnica l’immobile risulta in gravi condizioni strutturali.

L’ex casa del medico santo Giuseppe Moscati in via Cisterna dell’Olio 10 a Napoli è a rischio crollo. L’immobile, di proprietà del comune, è al centro di numerosi contenziosi  che vedono protagonisti anche degli occupanti abusivi dello stabile, come denuncia Il consiglere Comunale, l’avvocato Gennaro Esposito : “Visto che la struttura è pericolante, se dovesse crollare dovremmo addirittura risarcire coloro che la occupano senza diritti” .

Già nel 2018 si registrò il cedimento di un solaio nel fabbricato, e nel Febbraio 2020 un tentativo di sgombero fu impedito dagli occupanti dello stabile, nonostante le direttive di Palazzo San Giacomo che aveva notificato la necessità di sgomberare l’edificio a causa delle precarie condizioni di staticità del fabbricato. Dopo le tensioni con le forze dell’ordine, fu annunciata la controperizia da parte degli abitanti.

Risale ad Aprile scorso invece, la richiesta da parte del consigliere all’accesso agli atti con le seguenti motivazioni : “Alcuni cittadini mi hanno segnalato che l’appartamento nel medesimo fabbricato di proprietà comunale, di recente rilasciato in data 7 Febbraio 2022, sarebbe stato occupato abusivamente da non meglio precisati soggetti che sembrerebbero già occupanti di altre unità site all’interno del fabbricato che risulta essere inagibile. Peraltro, all’interno del palazzo sembra sia parcheggiata un’autovettura di grossa cilindrata, marca Mercedes che mal si concilierebbe con lo stato di necessità che andrebbe a giiustificare l’occupazione abusiva”.

Attualmente la vicenda è ancora con tanti punti interrogativi, bisognerà attendere un nuovo ordine, per sbloccare definitivamente e risolvere le  problematiche che coinvolgono l’immobile da ormai quattro anni.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta