Emorragia fatale sul Vesuvio: donati i suoi organi

post-title
Fonte Immagine: pixabay

La donna, turista americana 73enne, è stata colta da un’emorragia fatale mentre faceva un’escursione sul Vesuvio.

All’ospedale San Leonardo di Castellamare di Stabia (in provincia di Napoli), la scorsa notte è stato praticato un prelievo multiorgano su una paziente di 73 anni, deceduta nel corso della notte a causa di un’emorragia celebrale: gli organi prelevati sono fegato, reni e cornee.
L’equipe che ha effettuato il prelievo proveniva dall’ospedale Caldarelli di Napoli, dal Ruggi d’Aragona di Salerno e dai medici del reparto oculistica dell’ospedale in cui si è svolta la procedura.
La donatrice era una donna americana di 73 anni, una turistica che si trovava nel corso di un’escursione sul Vesuvio, dove è stata colpita da un’emorragia celebrale inoperabile, che l’ha uccisa.
Tutte le operazioni sono state coordinate dal Centro Regionale Trapianti della Campania unitamente al gruppo di lavoro dell'unità operativa anestesia e rianimazione di Castellammare diretto dalla dottoressa Maria Josè Sucre.
Durante le prime ore di questa mattina, gli organi hanno iniziato il loro viaggio verso i riceventi: il fegato è già stato trapiantato su un paziente del Caldarelli di Napoli; i reni, invece, sono in viaggio verso Torino, mentre le cornee sono state depositate nella banca degli occhi di Napoli.
La donatrice era giunta all’ospedale di Sorrento il 17 Settembre 2022, ed era stata poi trasferita al San Leonardo di Castellammare di Stabia, dove, ieri mattina, alle 8:53, era stata accertata la morte celebrale.
Una volta terminata la procedura, i familiari (figlio e marito) hanno dato il consenso alla donazione di organi e tessuti, come era volontà della donatrice. Alla fine della procedura di prelievo, tutte le equipe mediche hanno omaggiato la salma della donna con un inchino.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta