Femminicidio nel comasco: 34enne accoltellata dal compagno

post-title
Fonte Immagine: Ansa.it

L'uomo, operaio 37enne impiegato in Svizzera, è stato fermato con l’accusa di omicidio volontario. A dare l'allarme i vicini di casa per le urla della donna.

Avrebbe compiuto 34 anni a novembre Valentina Di Mauro, uccisa a coltellate dal compagno, Marco Campanaro, 37enne, con il quale conviveva da un paio di anni a Cadorago, in provincia di Como. Quando i carabinieri hanno bussato, lui, operaio senza precedenti penali, impiegato come magazziniere transforntaliero in Svizzera, ha aperto e li ha fatti entrare. I militari hanno trovato l’uomo in stato di choc e la donna riversa in una pozza di sangue, in bagno, insieme con quella che appare l’arma del delitto: un coltello da cucina.

Quando Campanaro ha aperto la porta, aveva ancora le mani sporche di sangue. L’uomo, arrestato in flagranza, è stato portato in caserma con l’accusa di omicidio volontario. Sono stati i vicini di casa della coppia a chiamare i carabinieri. Le urla del loro litigio li avevano svegliati, poco dopo l’alba, intorno alle 5. Hanno bussato più volte alla porta dei due, nella speranza di fermare il litigio, ma nessuno ha risposto. Spaventati hanno chiamato i carabinieri che, arrivati in via Leopardi dove i due vivevano, hanno trovato Di Mauro già morta. I soccorsi del 118 hanno potuto solo constatare la morte della ragazza.

Secondo le prime ricostruzioni, i due avrebbero avuto un violento litigio causato dalla gelosia e al culmine il 37enne ha colpito la compagna alla schiena e al torace con un coltello da cucina. Segno, le coltellate alla schiena, che la donna ha provato a scappare senza tuttavia riuscirci. Sulla morte di Valentina Di Mauro, è stato aperto un fascicolo e disposta l’autopsia. Gli inquirenti ascolteranno i familiari e i vicini della vittima per cercare di ricostruire le ultime ore della vita di Valentina Di Mauro, originaria della provincia di Varese. I carabinieri stanno cercando di capire e verificare se la coppia avesse avuto in passato degli attriti, visto che dalle prime ricostruzioni per la coppia non risulterebbero segnalazioni di discussioni o violenze.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta