I May Destroy You – Trauma e rinascita

post-title
Fonte Immagine: seriangolo

Arriva finalmente in Italia la serie tv di MichaelaCoel

Ci sono voluti quasi due anni di attesa, ma finalmente anche in Italia arriva la miniserie anglo-statunitense, scritta, co-diretta e prodotta da MichaelaCoel (che interpreta anche la protagonista).

La serie, andata in onda nel 2020 sulla BBC in Inghilterra (prima) e sulla HBO in America (poi), è stata fortemente acclamata da critica e pubblico, diventando così una delle serie simbolo del 2020.

Ambientata a Londra, con un cast prevalentemente composto di attori inglesi neri, la serie è una commedia drammatica, che ruota intorno ad Arabella, una giovane scrittrice che deve cercare di ricostruire gli eventi della notte in cui è stata stuprata all’interno di un bar.

Secondo il sito Metacritic, la serie è stata il prodotto televisivo più acclamato dell’anno 2020, ed è stata descritta dal New York Times come “la serie perfetta per un mondo inquieto”. Pluripremiata da importantissimi premi della televisione (4 vittorie ai BAFTAs, 2 agli RTS e agli IndipendentSpirit Awards, un GLAAD Media Award, un premio Gotham, un NCAAP Image Award e un premio ai Peabody), la serie ha anche ricevuto anche 9 nomination ai 73° PrimetimeEmmy Awards – i premi più prestigiosi nel mondo del piccolo schermo – e si è portata a casa ben due vittorie, tra cui il premio Outstanding Writing per la scrittura in una serie comica.

Composta da dodici episodi, come già accennato la serie ruota intorno ad Arabella e alla sua ricostruzione dello stupro subito alla fine del primo episodio. Ciò che ha colpito davvero il pubblico della serie è il modo in cui i successivi undici episodi abbiano affrontato il tema della violenza sessuale. Arabella non ha memoria di ciò che le è successo quella notte: prima di essere stuprata, infatti, è stata drogata. Una doppia violenza.

In ogni episodio, poi, agli spettatori viene richiesto un’ulteriore sforzo: ogni personaggio, nel corso della narrazione, fa cose o svela cose di sé che portano tutti a interrogarsi sulla loro credibilità, la loro identità morale e pubblica. I personaggi scritti e creati da MichaelaCoel sono multiforme, dalle mille sfaccettature, poliedrici, e diventa sempre più difficile dividere i loro lati positivi da quelli negativi.

La violenza sessuale in “I May Destroy You”, quindi, non è semplicemente un punto della trama, ma diviene il punto focale, la lente attraverso la quale raccontare ogni personaggio, ogni relazione, ogni sviluppo successivo degli eventi. La violenza sessuale viene affrontata sotto diversi aspetti, tutti attualissimi, alcuni – purtroppo – dimenticati o ignorati. Tutti possono immedesimarsi nei vari personaggi.

I May Destroy You” arriva su Sky Atlantic a partire dal 20 Settembre, tutti gli episodi alle 21:15 e disponibili on demand.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta