In fila per la droga: fermi a Brusciano, Cisterna e Scampia

post-title
Fonte Immagine: IlRoma

C’è la fila allo spaccio di stupefacenti: arrestati un pusher (appena) 15enne nella Vela Gialla e cinque persone nel giro di dodici ore tra Brusciano e Castello di Cisterna.

Scampia

I carabinieri del nucleo operativo di Napoli Stella hanno fermato un 15enne intento allo spaccio nel lotto M di Viale della Resistenza, nella Vela Gialla. Il ragazzino aveva, addosso, quattro tipi di droga: 3 dosi di cocaina, 11 di crack, 10 di eroina e 21 di kobret. Accortosi di essere l’obiettivo del controllo ha tentato la fuga, ma è stato bloccato dopo pochi metri dagli agenti.

Anche il padre del ragazzo ha raggiunto la pattuglia in cui il ragazzino era stato portato e ha provato in tutti i modi a farlo fuggire, aprendogli una via di fuga, opponendosi con forza ai militari. Ha tentato, poi, di nascondere la droga che il figlio non era ancora riuscito a spacciare.

Il padre è stato denunciato per aver opposto resistenza a pubblico ufficiale, mentre il 15enne è finito in manette per detenzione di droga ai fini di spaccio. Il ragazzo, adesso, si trova al centro di resistenza dei Colli Aminei, in attesa di giudizio.

Il blitz

I carabinieri della sezione operativa di Castello di Cisterna hanno condotto, nel giro di sole dodici ore, un blitz che ha portato all’arresto di ben cinque persone per spaccio di droga.

Uno dei due arresti è avvenuto in Via Borsellino, a Brusciano, all’interno del rione ex 219: i tre finiti in manette erano già noti alle forze dell’ordine per lo spaccio di droga. Uno degli arrestati (Rosario Migliaccio) cedeva dosi ai clienti in fila, mentre gli altri due (Pasquale Trombetta e Emanuela Di Cicco) si occupavano di controllare la zona, per essere sicuri di non ricevere sorprese dalle forze dell’ordine.

I carabinieri, però, sono riusciti a bloccare tutti e tre gli uomini e a recuperare ben 314 dosi di crack, 69 di cocaina e 1595 euro in contanti, ritenuto provento illecito. Il pusher è finito in carcere, mentre i due collaboratori sono ai domiciliari, in attesa di giudizio.

Solo poche ore prima, gli stessi carabinieri avevano condotto un’altra retata anti droga, che ha portato all’arresto di due persone, Raffaele Vitale e Pasquale Barbato,  in Via Leopardi, nel comune di Castello di Cisterna, che dovranno rispondere ad accuse di detenzione di droga ai fini di spaccio. I due erano in possesso di 56 dosi di crack e 7 di cocaina, oltre a circa 30 euro in contanti. Entrambi sono in attesa di giudizio.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta