Incendio deposito Simonetti, concentrazioni nei limiti

post-title
Fonte Immagine: Ansa.it

Diossine sotto valori di riferimento e nessun ferito nel capannone raso al suolo dalle fiamme a Nola.

Sono in corso gli accertamenti dell’Arpa Campania in seguito all’incendio che lo scorso 8 luglio ha coinvolto nel comune di Nola il capannone di una ditta di conservazione e distribuzione di prodotti alimentari. Per la ricerca di eventuali ricadute di diossine e furani è stato installato a cura dell’Arpac un campionatore ad alto volume (Echo Hi-Vol, Tecora) presso via Trezzelle nel Comune di Saviano a breve distanza dal sito oggetto di incendio.

Il primo e il secondo ciclo di campionamento delle diossine disperse in atmosfera hanno evidenziato valori di concentrazione di diossine e furani (PCDD+PCDF) inferiori ai valori di riferimento correntemente utilizzati dalla comunità scientifica ed in particolare 9-10 luglio 2022 sono stati rilevati 0,036 pg/Nm3 I-TEQ mentre 10-11 luglio 2022 un valore < del limite di rilevabilità del metodo (contro valore di riferimento Oms di 0,1 e Lai-Germania di 0,15).

Per quanto riguarda gli inquinanti monitorati dal laboratorio mobile collocato a circa 800 metri dal sito dell’incendio nel territorio comunale di Saviano (quali benzene, toluene, xilene, monossido di carbonio, ossidi di azoto, ozono, PM2.5, PM10), le misure non mostrano andamenti influenzati dall’incendio e non hanno in questi giorni evidenziato superamenti dei limiti di legge.

A seguito dei rilievi è emerso che il deposito distrutto dall’incendio divampato nel comune di Nola in via Feudo 69, si estende per circa cinquemila metri quadrati.

L’area è di proprietà della società Gruppo Simonetti srl, all’interno della quale è ubicato un capannone in fitto alla ditta Fresh Tropical srl by Jawad che effettua attività di conservazione e distribuzione di specialità etniche alimentari. Nessuna persona è rimasta coinvolta nell’evento.

Nel corso delle attività di contenimento/spegnimento del fuoco, rese critiche dal crollo del tetto del capannone, sono state impegnate sul posto quattro squadre di Vigili del Fuoco, che soltanto dopo oltre dodici ore di lavoro sono riuscite a domare le fiamme, alimentate dal forte vento. Le forze dell’ordine hanno iniziato le lunghe operazioni di bonifica e messa in sicurezza dell’area, avviando i rilievi per appurare l’origine delle fiamme.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta