Marigliano: baby gang, risse e panico nella movida

post-title
Fonte Immagine: CasertaNews.it

Nel comune di Marigliano imperversa il fenomeno delle baby gang, che sta assumendo livelli preoccupanti.

I fatti risalgono a sabato scorso quando un gruppetto di adolescenti ha iniziato una sorta di ronda sulla via principale del paese, il cui unico scopo, era creare scompiglio e paura fra i coetanei.

Le peripezie sono iniziate  nel punto di ristoro “H24” ai danni di due ragazzini, un dodicenne e una 15 enne.  

Un componente del gruppetto spalleggiato dal branco è andato verso il ragazzino che stava parlando con l’amica per la scelta di una bibita e dopo averlo aggredito verbalmente lo ha aggredito con una pistola a salve.

Successivamente il branco si è portato sul corso mettendo ansia e preoccupazione ad altri ragazzi.

Intorno alle 23:30 è stato lanciato l’allarme  al comando di Polizia Locale.  È stata denunciata, infatti,  una rissa all’interno della villa comunale. La pattuglia presente al centro urbano per i fenomeni della movida è immediatamente  accorsa  nella villa dove alcuni passanti hanno segnalato la presenza dei bulli che minacciavano i passanti con delle armi in pugno.

È  stato così immediatamente richiesto  l’intervento della  volante dei carabinieri di Castello di Cisterna e al comandante della PM Emiliano Nacar, che interveniva sul posto .

Uno dei soggetti in questione è stato identificato. Si tratta di un pregiudicato di San Vitaliano. La PM ha così effettuato la perquisizione personale e del motociclo. Sotto  lo scooter è stato  trovato un tirapugni di acciaio, usato con un guanto per aggredire le persone.

L’arma illegale è stata sequestrata dalla polizia municipale. Il comandante Nacar ha ringraziato le forze dell’ordine intervenute tempestivamente per riportare ordine in piazza.         


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta