Monaco di Baviera, bimba napoletana colpita mortalmente da una statua

post-title
Fonte Immagine: Fanpage

Tragedia in Germania, una ragazzina di 7 anni muore in hotel ferita da una statua di marmo.

Si chiamava Lavinia Trematerra ed aveva 7 anni. È morta nel tardo pomeriggio di ieri in Germania, in un hotel di Monaco di Baviera in cui era in vacanza, per un tremendo incidente domestico.

La figlia degli avvocati Michele Trematerra e Valentina Poggi sarebbe stata colpita -questa la prima ricostruzione dei fatti- da una statua di marmo non fissata al suolo, sotto gli occhi dei genitori, mentre giocava in un giardino dell’albergo.

La statua si sarebbe staccata mentre la bambina giocava nei suoi pressi, nel giardino dell’albergo di Monaco di Baviera in cui si trovava in vacanza con il papà e la mamma, due avvocati napoletani.

Una morte assurda, che ha lasciato sconcertati familiari, amici e conoscenti della coppia.

Sul tragico incidente, le autorità tedesche hanno aperto una inchiesta: la salma di Lavinia Trematerra è stata posta sotto sequestro per poter effettuare l’autopsia; soltanto dopo tutti gli accertamenti del caso, la salma potrà fare rientro a Napoli e la famiglia potrà procedere con i funerali.

Quando, a Napoli, si è diffusa la notizia dell’immane tragedia occorsa nella città della Baviera, i social network sono stati inondati di messaggi di cordoglio per la morte della piccola Lavinia; tanti i colleghi dei genitori, stimati avvocati partenopei, che sono apparsi su Facebook nelle ultime ore e che esprimono vicinanza alla famiglia per la loro perdita così dolorosa.

Anche il Comune di Ponza, dove la famiglia della mamma della bimba è conosciuta, ha voluto esprimere il proprio cordoglio: “Il Sindaco, a nome di tutta amministrazione comunale, si stringe al dolore della famiglia per la scomparsa improvvisa e tragica della piccola Lavinia” si legge sulla pagina Facebook dell’amministrazione comunale.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta