Napoli, striscioni di protesta elettorali sulla facciata dell’Università

post-title
Fonte Immagine: Lostrillonetv.it

Gli universitari della Federico II in agitazione a Corso Umberto, nel cortile interno di Porta di Massa e su Palazzo Giusso sede dell’Orientale.

L’ateneo storico della Federico II si è mobilitato per esprimere il proprio dissenso al governo appena votato.

Striscioni contro la leader di Fratelli d’Italia sono stati calati sulla facciata dell’Università Federico II su corso Umberto, nel cortile interno di Porta di Massa e su Palazzo Giusso sede dell’Orientale.

Il collettivo studentesco scende in piazza ed esprime il proprio dissenso contro il governo che il tredici ottobre dovrà fornire il suo esecutivo.

Gli slogan sugli striscioni richiamano quelli della protesta in Iran e riportano le frasi di Bella ciao.

Gli studenti spiegano che non possono tacere il loro dissenso nei confronti del nuovo leader di centro destra poiché molti di loro non hanno avuto l’opportunità di recarsi presso la loro sede elettorale e esprimere la loro opinione politica.

Il dissenso parte dalle considerazioni che la Meloni ha espresso in campagna elettorale, i ragazzi temono la perdita di diritti oramai acquisiti e il rallentamento di obiettivi per la pari dignità e l’acquisizione di diritti da parte delle fasce meno rappresentate dalla comunità.

Così agli studenti di Milano si affiancano i ragazzi dell’orientale di Napoli.

Il vento della contestazione pare non fermarsi con il passare dei giorni ma assumere un carattere sempre più largo.

«Giorgia Meloni e la sua coalizione – si legge nella nota – non rappresentano il futuro che vogliamo per la nostra generazione, anzi sono un pericolo per i nostri diritti e la nostra libertà», dichiara una rappresentante del collettivo studentesco che oggi alle 17,30 si incontrerà ancora in piazza Domenico Maggiore per dare voce alle loro richieste.

Insomma fra gli impegni legati alla crisi economica, il nuovo esecutivo dovrà aggiungere un autunno attraversato dal vento della contestazione.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta