Netflix, Come cambiare la tua mente: il rinascimento psichedelico

post-title
Fonte Immagine: Netflix

In arrivo su Netflix un documentario che assume un punto di vista innovativo sulle sostanze stupefacenti

Questa settimana non perderti Come cambiare la tua mente, la nuova docuserie 2022 ispirata all’omonimo best seller, distribuito in Italia da Adelphi, di Michael Pollan, giornalista e saggista culinario americano che affronta l’argomento demonizzato delle droghe, quali LSD, MDMA, psichedelici, e i loro plurimi e inaspettati effetti terapeutici, nell’ottica di un’assunzione controllata e regolata.

La serie, che debutterà martedì 14 luglio su Netflix Italia, è suddivisa in 4 parti, ognuna  di queste incentrata su una sostanza specifica, rispettivamente: LSD, psilocibina (il principio attivo dei funghi magici), MDMA e mescalina (sostanza allucinogena traibile dal peyote e da altri cactus).

Realizzata in collaborazione dello stesso Pollan, al fianco di un importante documentarista contemporaneo, Alex Gibney, Come cambiare la tua mente condurrà gli spettatori verso le frontiere del nuovo rinascimento psichedelico, fornendo dati certi e documentati riguardo l’apporto benefico delle droghe. Il titolo originale infatti, letteralmente How to change your mind, nel gergo acquisisce un doppio significato, ovvero come cambiare idea; il che riassume un po’ l’obiettivo e lo spirito di tutto il documentario.

E’ proprio Pollan il primo a testare le sostanze, in modo illegale, sotto l’attenta supervisione di psicologi e psichiatri, i quali a loro volta prescrivono tali sostanze clandestinamente ai propri assistiti, ritenendole ottimi coadiuvanti per i trattamenti terapeutici.

A spingere il saggista è soprattutto il suo ambire a una estensione del proprio Io, possibile solo attraverso l’assunzione di sostanze, e che gli permette di sfuggire alla funzione sintetizzante del cervello, in modo da trarre la totalità degli impulsi esterni, per giungere a una conoscenza piena del sé interiore e del mondo circostante.

E tu sei pronto a cambiare idea?


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta