Nola, in tribunale col coltello. Panico all’udienza

post-title
Fonte Immagine: ilgazzettinovesuviano

64enne di San Giuseppe Vesuviano denunciato dai Carabinieri.

Tre giorni fa è stato arrestato per atti persecutori dai carabinieri della stazione di San Giuseppe Vesuviano.  Aveva speronato l’auto al cui interno c’erano la moglie e la figlia. Era sottoposto ai domiciliari e ieri mattina era prevista l’udienza di convalida. L’autorità giudiziaria lo aveva convocato libero, senza scorta.

Quando si è presentato all’ingresso del tribunale ha trovato i carabinieri della stazione di Nola che concorrevano nella vigilanza della struttura. A dare il primo allarme il metal detector.

L’uomo, un 64enne di San Giuseppe Vesuviano, ha velocemente estratto un coltello dalle tasche e lo ha nascosto in una scarpa.

Come prevedibile i carabinieri hanno visto tutto e hanno chiesto al 64enne di togliere le scarpe e consegnare il coltello.  Non si è arreso e ha provato a lanciare via l’arma.

Anche questa mossa è servita a nulla e per lui è scattata una denuncia per porto abusivo di armi.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta