Nola, proclamato il consiglio comunale

post-title
Fonte Immagine: immagine originale

Per gli eletti nella tornata elettorale del 12 giugno scorso si è svolta oggi la proclamazione. Buonauro: “Tutti al servizio della comunità e del territorio, lavorare in un clima di serenità e di armonia”

Oggi 14 luglio 2022 a partire dalle ore 15:00, presso la sala consiliare del Municipio in Piazza Duomo, si è celebrata la seduta di proclamazione del nuovo consiglio comunale e degli eletti nella tornata elettorale del 12 giugno scorso.

Alla presenza dei componenti dell’Ufficio centrale elettorale, il Presidente ha dato lettura del risultato ufficiale, ratificando i consiglieri eletti per il mandato amministrativo 2022-2027.

Nello specifico, per la maggioranza: Carrella Erasmo Giovanni, Pizzella Francesco, Napolitano Bruscino Lucianna, Cantalupo Francesco, Buonaguro Alberto (Nola Democratica), Russo Massimo, Mauro Carmen, Limmatola Olimpia, De Falco Gemma (Movimento 5 Stelle), Napolitano Antonio, Napolitano Carolina, Esposito Carmine (Per Nola Nostra), Scotti Erasmo (Nola al centro), Conventi Francesco (Nola Bene Comune con Piazza D’Armi), Paolino Mauro (Partito Democratico).

Per l’opposizione: Maurizio Barbato (candidato sindaco non eletto), Parisi Raffaele, Napolitano Santa, Moccia Giancarlo (Nola Protagonista), De Lucia Enzo, Arvonio Giuseppina, Notaro Salvatore (Fare Democratico per Nola), Iovino Vincenzo, Barone Saverio (Più Nola).

Maurizio Barbato, leader dell’opposizione, ha dichiarato: «È per me una nuova esperienza che permea l’impegno profuso nel mondo delle associazioni. Un impegno che affronto con grande entusiasmo, ma anche con grande determinazione: non sarà un’opposizione a prescindere, ma che valuterà punto per punto quelle che saranno le proposte della maggioranza, sempre propositiva nel senso del bene comune».

Dopo le procedure di rito, il Sindaco, Carlo Buonauro, ha voluto rivolgere il suo ringraziamento alla città e dare il suo saluto ai nuovi componenti dell’assise bruniana: «La proclamazione dei consiglieri è l’inizio del servizio per la comunità, nella differenza delle rispettive posizioni. Parti che dovranno essere accomunate dal servire il territorio, per

rilanciare questa magnifica terra, in tutte le sue componenti, culturali, economiche, etiche e sociali, seguendo la logica della legalità e del buon governo. Queste devono essere le premesse del buon lavorare in un clima costruttivo e di armonia, che ha come unica stella polare il bene pubblico, superando faziosità pur nel rispetto dei ruoli».


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta