Orta Nova, ucciso il figlio ventenne del boss "spaccapalline"

post-title
Fonte Immagine: Fanpage

La pista non sarebbe di matrice delinquenziale.

Cinque colpi di pistola tra torace e fianco. Ecco come è stato ucciso la scorsa notte  Andrea Gaeta, 20 anni di Ortanova con piccoli precedenti penali. Il ragazzo era il figlio del  boss, Francesco Gaeta, detto “spaccapalline”.

Era verso l’una e trenta, quando  è arrivata ai centralini delle forze dell’ordine una telefonata anonima che informava i carabinieri di aver udito alcuni colpi di arma da fuoco nella zona industriale del comune foggiano.

Il fatto, avvenuto in via Saragat, dove gli uomini dell’arma hanno trovato il giovane Andrea Gaeta, riverso nella sua auto, almeno cinque colpi esplosi, due dei quali andati a segno: Gaeta era in auto, quando il mezzo è stato raggiunto dai sicari che hanno aperto il fuoco.

L’arma del delitto - verosimilmente una calibro 9, ma gli esami balistici daranno indicazioni più precise- non è stata ancora recuperata. Sono stati trovati invece cinque bossoli. 

Se in un primo momento gli inquirenti avevano optato per un regolamento di conti della malavita locale, dopo le prime indagini, pare sia esclusa tale ipotesi mentre si cerca di comprendere le motivazioni, probabilmente di natura personale, di chi lo ha aggredito.

«Siamo profondamente scioccati dalla notizia terribile che abbiamo appreso questa mattina. Ancora spargimenti di sangue nel nostro territorio, ancora omicidi. Con l’aggravante che in questo caso si tratta di ragazzi, di giovanissimi», ha dichiarato il sindaco di Orta Nova, Domenico Lasorsa. «Il nostro paese chiede sempre di più sicurezza. Ancora una volta lo ribadiremo alle istituzioni di competenza», assicura.

Intanto la squadra mobile ha effettuate numerose perquisizioni, durante tutta la notte e visionato le videocamere del luogo. Sono stati interrogati amici e familiari.

Insomma quest’onda di violenza non è frutto di regolamenti fra gruppi malavitosi, ma è indice di una società sempre più aggressiva e pronta alla rissa.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta