Per Mps aumento di capitale interamente garantito

post-title
Fonte Immagine: ansa

Partecipa all'operazione anche Algebris.

l Consiglio di Amministrazione della Banca più antica del mondo, al suo attivo 544 anni, ha fissato i termini e le condizioni definitive per l'aumento di capitale da 2,5 miliardi di euro; dopo la firma del contratto di garanzia con le banche per la sottoscrizione delle azioni inoptate e gli impegni arrivati da diversi investitori.
«L'operazione è interamente garantita» ha sottolineato il Monte dei Paschi di Siena, in quanto il Mef come già noto si è impegnato a sottoscrivere tutte le nuove azioni ad esso spettanti in proporzione alla propria quota di partecipazione; pari al 64,23% del valore complessivo massimo dell'aumento di capitale.
La Banca Senese emetterà 1.249.665.648 azioni ordinarie di nuova emissione, senza indicazione del valore nominale, aventi le stesse caratteristiche delle azioni in circolazione, incluso il godimento regolare. Il prezzo di sottoscrizione è pari a 2 euro per ciascuna Nuova Azione, da imputarsi interamente a capitale, nel rapporto di 374 (trecentosettantaquattro) Nuove Azioni ogni 3 (tre) azioni MPS possedute. Il controvalore massimo sarà pertanto pari a 2.499.331.296 euro. Il prezzo di sottoscrizione incorpora uno sconto pari al 7,79% rispetto al prezzo teorico ex diritto (cosiddetto TERP) delle azioni Mps.
Mps inoltre, ha sottoscritto il cosiddetto contratto di garanzia relativo all'aumento di capitale, dove investors come BofA, Citigroup, Credit Suisse, Mediobanca, in qualità di joint global coordinators e Banco Santander, Barclays, Société Générale e Stifel in qualità di joint bookrunners si sono impegnati a sottoscrivere, disgiuntamente tra loro e senza alcun vincolo di solidarietà le Nuove Azioni non sottoscritte al termine dell'asta dell'inoptato, fino ad un ammontare massimo complessivo pari a 807 milioni di euro.
Tra gli investitori di maggior pregio Algebris che partecipa in qualità di garante con una quota complessiva pari a 50 milioni di euro, di cui 30 milioni pari passu con i Garanti e 20 milioni come sub-underwriter.
Il calendario dell'offerta prevede che i diritti di opzione, validi per la sottoscrizione delle Nuove Azioni saranno esercitabili, a pena di decadenza, dal 17 ottobre 2022 al 31 ottobre 2022.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta