Ponticelli, ucciso mentre monta una zanzariera

post-title
Fonte Immagine: Ansa.it

Agguato con due vittime nel Rione Fiat: uno vicino a clan De Micco-De Martino e l’altro ucciso sull’uscio mentre lavorava.

Due persone sono state uccise a Napoli nel Rione Fiat del quartiere Ponticelli. Un agguato è costato la vita a Carlo Esposito, 29 anni appena compiuti e ad Antimo Imperatore, 55 anni.

L’episodio violento è avvenuto in un appartamento al piano terra di via Eugenio Montale. Secondo quanto al momento accertato dai carabinieri, Carlo Esposito sarebbe riconducibile al clan De Micco-De Martino. L’altra vittima non apparterrebbe, invece, a nessun clan camorristico. Antimo Imperatore, infatti, era noto nel quartiere perché faceva piccoli lavoretti a domicilio; forse si trovava in quell’appartamento (è stato ucciso sull’uscio) proprio perché stava montando una zanzariera.

Un uomo, che potrebbe essere coinvolto nel duplice omicidio si è consegnato agli inquirenti della Procura di Napoli. Al momento non è nota l’identità del soggetto e neppure il grado di coinvolgimento nel duplice assassinio.

Sull’accaduto sono in corso indagini da parte dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli e della compagnia di Poggioreale, coordinati dal sostituto procuratore Urbano Mozzillo. 


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta