Portici, 39enne abbandonata nella vasca dopo maltrattamenti

post-title
Fonte Immagine: Napoli.Occhionotizie

Sviene sotto i colpi del compagno, figli chiamano i carabinieri

L’ultimo colpo alla testa sferrato dal compagno violento l’ha fatta svenire e lui, per rianimarla, l’ha sistemata nella vasca da bagno e le ha spruzzato dell’acqua in faccia: è quanto accaduto in un’abitazione di Portici, abitata da una famigliola di ucraini giunti in Italia nel 2016.

Lei si è svegliata nella vasca da bagno e, a chiedere aiuto ai carabinieri, dopo l’ennesima lite culminata in aggressione, sono stati i figli della coppia, un bambino di 13 anni e una ragazza di 18, anche loro vittime della furia del padre.

L’uomo, che ha 43 anni, è stato bloccato e denunciato per maltrattamenti. Nei suoi confronti è stato emesso un provvedimento di allontanamento dall’abitazione di famiglia e nei suoi confronti è stato emesso un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese.

Sia la donna, una 39enne, che i suoi figli, anche loro ucraini e giunti in Italia nel 2016, sono stati costretti a ricorrere alle cure mediche del 118, intervenuto su richiesta dei militari.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta