Prof ucciso a Melito, un tragedia annunciata

post-title
Fonte Immagine: VocediNapoli.it

Nella struttura già altre due aggressioni nei mesi scorsi, un’aggressione a una ragazzina da parte delle compagne e un 13enne accoltellato da un compagno di classe.

Manuela Del Frate, presidente dell’Associazione “Diamoci un peso” e madre di un’alunna della scuola Marino Guarano’ di Melito (Napoli) -dove ieri sera i Carabinieri hanno rinvenuto il corpo esanime del professor Marcello Toscano- spiega che già «ad aprile scorso c’è stata un’aggressione a una ragazzina da parte delle compagne, mentre a maggio un 13enne è stato accoltellato da un compagno di classe. Questa scuola abbraccia una platea di “confine” e forse questa era una tragedia annunciata, prevista, perché in questi anni c’è stato un aumento della criminalità. Ascoltando qualche messaggio del gruppo di classe di mia figlia sento che i ragazzi sono preoccupati dal tornare a scuola, col pericolo che possa succedere qualcosa di grave».

«Era un professionista innamorato del suo lavoro» ha descritto invece Andrea Cipolletta, docente e amico di Marcello Toscano. «Spero solo che si faccia rapidamente chiarezza su quanto accaduto. Noi a scuola ci sentiamo abbandonati, c’è una grande emergenza educativa nazionale, che non tocca solo il Sud, ma tutti i ragazzi. La scuola se perde il suo valore è la fine per la società, c’è solo disgregazione sociale».

Queste, invece, le parole del sindaco di Melito, Luciano Mottola, nel commentare l’omicidio di Marcello Toscano, professore di sostegno presso la scuola “Marino Guarano”. «È una vicenda agghiacciante perché concretizzatasi all’interno del cortile di una scuola, ma è figlia di una situazione emergenziale dal punto di vista della sicurezza. Finora i miei appelli sono rimasti inascoltati. Questo è un territorio dove il 20% della popolazione ha avuto problemi con la giustizia, con gli strumenti a disposizione non posso andare oltre. Ci troviamo a fare la guerra con le pistole ad acqua e diventa davvero difficile se lo Stato non ci aiuta».


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta