Skam Italia 5

post-title
Fonte Immagine: cinemaserietv.it

La serie tv adolescenziale remake del format norvegese è disponibile su Netflix dal 1 settembre 2022

Li avevamo lasciati così, per le loro ultime volte tra i banchi di scuola, alle prese con gli esami di maturità, le ansie, le aspirazioni e le prime incertezze sul futuro. Adesso, dopo due anni di attesa, sono pronti a tornare, lasciandoci questa volta vagare nella mente di Elia, interpretato magneticamente da Francesco Centorame, fin ora personaggio di sfondo dei contrabbandieri.

Ebbene si, stiamo parlando della quinta stagione di Skam Italia, in onda su Netflix dal 1 settembre 2022.

Questa volta il protagonista, Elia, a causa della precedente bocciatura, si ritrova solo a dover affrontare nuovamente l'esame di maturità, il primo grande ostacolo che separa la vita da adolescente da una parvenza apparente di quella adulta. Il primo di una serie infinta di esami, di cui la vita si compone e da cui è scandita.

Come sempre,  la serie, remake dell'originale Skam Norvegia del 2018 di Julie Andem, riesce a toccare, seguendo un unico filone, gli argomenti più disparati, tutti connessi a un'età tanto delicata e di transizione quale è l'adolescenza.

Elia è un personaggio tutto frutto dell'inventiva degli sceneggiatori della serie italiana, che altrimenti seguendo le orme della serie originale si sarebbe dovuta concludere con la sua quarta stagione; è dunque la penna di Ludovico Bessegato e Alice Urcioli a tracciare l'evoluzione dei personaggi ormai ricorrenti su questi schermi, ma anche una storia del tutto nuova, quella di Elia, che si sviluppa a sua volta sul filone narrativo che conduce la serie dal giorno zero: il senso di inadeguatezza.

A muovere in Elia questo sentimento, che si riversa inevitabilmente sulle sue relazioni amichevoli e sentimentali, e più di tutto sul suo modo di vivere la vita, è l'ipoplasia pienena; in parole semplici, il pene piccolo.

Da qui viene colta magistralmente l'occasione per affrontare il tema della mascolinità tossica, della fantomatica virilità, del bodyshaming; questa volta però, tutto visto dagli occhi maschili di un giovane diciannovenne.

La quinta stagione è composta da 10 episodi della durata media di 20 minuti, creati da Cross Production e Netflix, ed è in grado di allagare i suoi orizzonti, tastando trasversalmente ulteriori temi quali il bullismo e il cyber bullismo, le molestie, l'accettazione di sé per se stessi e per gli altri.

D'altronde, li avevamo lasciati cosi.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta