Terremoti romani

post-title
Fonte Immagine: Dagospia

Dopo il video bufera sono arrivate le pronte dimissioni di Ruberti

Un vero e proprio terremoto. Non si potrebbero utilizzare parole diverse per descrivere ciò che si è concretizzato in queste ore con le dimissioni di Albino Ruberti, ex capo di Gabinetto del sindaco di Roma Roberto Gualtieri. Le motivazioni? Una lite violenta a Frosinone, con annesse urla e minacce. Lite che è stata, prontamente, ripresa tramite telefoni cellulari che hanno riportato le violente parole di Ruberti: "Io li ammazzo...Devono venire a chiede scusa per quello che mi hanno chiesto... A me non me dicono 'io me te compro. Do cinque minuti pe veni' a chiedeme scusa in ginocchio. Se devono inginocchia' davanti. Altrimenti io lo scrivo a tutti quello che sti pezzi de... mi hanno detto... Io li sparo, li ammazzo. Il video ha ovviamente generato una serie di aspre critiche e polemiche che hanno condotto alle dimissioni di Ruberti. Queste le parole dell’ex capo di Gabinetto, rilasciate questa mattina al Corriere della Sera:«Ognuno di noi in momenti di rabbia grida cose che non farebbe mai. C’era stato un contrasto a cena. Avevo fatto una battuta infelice. Avevo detto - a uno presente che aveva bevuto troppo. Si è sentito offeso, ha reagito male. Mi ha aggredito, sono volate parole grosse e un altro ha fatto da paciere. A tavola si è parlato di calcio. Vladimiro De Angelis era intervenuto per sedare la rissa, e dal suo punto di vista, un uomo di affari, era una perdita di tempo per una stupidaggine. Da lì la frase mi ti compro. Me me sono andato. E il giorno dopo ho chiesto scusa. È una cosa ormai chiarita, vecchia di due mesi. Dispiace sia stata tirata fuori ora. Mi sono dimesso per evitare strumentalizzazioni. Il calcio si è mescolato alla politica ed è andata a finire così. Parlavamo della Roma e della Lazio. Poi la situazione è degenerata quando al pallone si è mischiata la situazione politica del frusinate e le chiacchiere sulle prossime Regionali. Se non ci credete...non posso mica inventarmi cose non successe». Prontamente è arrivata anche una dichiarazione da parte di Roberto Gualtieri: «Ringrazio Albino Ruberti per aver offerto le sue dimissioni a seguito della diffusione di un video che riporta una sua violenta lite verbale avvenuta in occasione di una cena privata svoltasi a Frosinone due mesi fa.Le frasi contenute nel video sono gravi e non appropriate per chi ricopre un incarico di questa delicatezza.Per questo, in attesa che venga chiarita l'effettiva dinamica dei fatti, ho preso atto delle dimissioni di Albino Ruberti e ho chiesto al Vicecapo di Gabinetto Nicola De Bernardini di assumerne le funzioni". Lo dichiara in una nota il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri.Al tempo stesso voglio rimarcare la straordinaria qualità del lavoro svolto da Ruberti come Capo di Gabinetto, la totale dedizione e l'impegno profusi, e ho sempre apprezzato la sua orgogliosa difesa dell'integrità e dell'autonomia dell'amministrazione comunale e delle sue scelte.»


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta