Tredicenne giù dal balcone, l’ombra del cyberbullismo

post-title
Fonte Immagine: laRepubblica

Si indaga per istigazione al suicidio, acquisite le chat del telefono del tredicenne di Gragnano, in una di queste il messaggio: “devi ucciderti”.

All’inizio si era pensato che la morte di Alessandro 13 anni, morto giovedì dopo un volo di 15 metri dal balcone di casa sua al 4° piano di via Lamma a Gragnano, fosse l’epilogo di un tragico incidete avvenuto perché il ragazzino si sarebbe sporto  per aggiustare l’antenna, ciò che invece emerge oggi dalle indagini è qualcosa di ben più inquietante :istigazione al suicidio.

I militari dell’ Arma dei Carabinieri di Gragnano e i pm della Procura di Torre Annunziata Nunzio Fragliasso e Giuliana Moccia da un esame condotto sul telefono del ragazzino, hanno trovato chat segrete piene di insulti e minacce, in una di queste la frase “devi ucciderti”. E’ emersa una realtà ormai non molto distante da quella che vivono tanti adolescenti, il bullismo fatto di abusi sopraffazione, violenza sia verbale che fisica, e che sempre più spesso tesse la sua tela nei contenuti degli smartphone.

Sembra che il ragazzino fosse vittima del branco già da alcuni mesi e quindi conosceva i suoi aguzzini, forse di un paese vicino al suo, che più volte gli hanno inviato messaggi con frasi vessatorie, l’ultimo sembra una settimana fa, con il macabro invito a farla finita.

Inoltre è stato trovato anche un messaggio che il tredicenne ha scritto alla sua fidanzatina prima della tragedia, a conferma del gesto disperato.

Gli inquirenti hanno disposto il sequestro della salma in attesa di decidere se disporre l’autopsia, nel frattempo i fascicoli sono stati trasferiti alla Procura dei Minori, poiché si ritiene che i bulli siano più o meno tutti coetanei della vittima, e stando a quanto trapela da alcune indiscrezioni, alcuni di loro sarebbero già stati identificati.

In attesa degli ulteriori sviluppi delle indagini, il sindaco di Gragnano, Nello D’Auria, ha fatto sapere che il giorno in cui sarà celebrato il funerale verrà proclamato il lutto cittadino.


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta