Violenza sessuale in Circumvesuviana

post-title
Fonte Immagine: Libertas

Abusi su un minore nei bagni pubblici della stazione di Sorrento, un 53enne ai domiciliari. Decisiva la testimonianza della vittima.

Il caso risale allo scorso aprile. Un 53enne avrebbe costretto un ragazzino minorenne a subire un rapporto sessuale sul treno della Circumvesuviana e poi anche nei bagni pubblici della stazione di Sorrento. Il giovanissimo si stava recando a scuola, quando è avvenuto l’episodio.

Gravi indizi di colpevolezza nei confronti di un uomo residente a Castellammare di Stabia sono stati raccolti grazie alle indagini della polizia di Sorrento che ha utilizzato immagini di videosorveglianza interne alla stazione della Circumvesuviana e soprattutto la testimonianza del minore.

L’uomo, approfittando dell’età del ragazzino, nonché della zona isolata, avrebbe costretto il minore a subire atti sessuali con violenza e minacce sul treno della Circumvesuviana tra Napoli e Sorrento e, successivamente, all’interno dei servizi igienici dello scalo ferroviario di Sorrento.

Ieri gli agenti della Sezione Anticrimine del Commissariato di polizia della costiera hanno dato esecuzione a una misura cautelare personale degli arresti domiciliari, emessa dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura della Repubblica, procedendo all’arresto di un uomo gravemente indiziato del reato di violenza sessuale aggravata ai danni di un minorenne.

Le indagini, condotte dagli uomini della polizia di Sorrento, agli ordini del vice questore Nicola Donadio, si sono giovate della precisa e dettagliata testimonianza resa dalla vittima, dell’analisi delle immagini del sistema di videosorveglianza interno della stazione Circumvesuviana e del prezioso contributo testimoniale reso da alcuni amici della vittima, che hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti del 53enne stabiese. Dopo le formalità di rito l’uomo è stato sottoposto ai domiciliari presso la sua abitazione, per il reato di violenza sessuale aggravata ai danni di un minore di anni 18.

 

 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA
© Copyright Corriere della Campania


Commenta